SEO: L’importanza dei backlink

15 Ott 2020 | Blogging, SEO

Premessa

Aumentare la visibilità del proprio sito online è una delle cose a cui tutti un po’ aspiriamo, in quanto liberi professionisti o piccoli imprenditori. Perché diciamocelo, farsi trovare dai potenziali clienti nell’infinito oceano che è il web, non è poi così facile come sembra.

Per questo motivo, ho pensato di creare una serie di post con un tema comune, ovvero quello di aumentare la visibilità online, ognuno con una piccola lezione base di SEO per farsi trovare tramite il proprio blog, che è uno strumento sottovalutato ma, come non mi stancherò mai di ripetere, essenziale se hai un tuo piccolo (ma anche grande) business.

Nel post di oggi parleremo di backlink, ma se conosci già bene questo argomento e vuoi passare oltre, qui trovi un post dedicato alla ricerca delle parole chiave (keywords).

Cosa sono i backlink?

I backlink sono dei collegamenti al tuo sito web da parte di altri siti esterni e sono uno dei fattori SEO più importanti per il posizionamento di una pagina web sui motori di ricerca.

Perché sono importanti?

I backlink (link esterni) si differenziano dai link interni per la loro importanza, perché è come se fossero una specie di valutazione positiva effettuata da “persone importanti” del tuo settore.

Per intenderci meglio, se tu vendi lucido per le scarpe e Calzature Italia (un negozio fittizio, molto rinomato nella tua città) inserisce sul suo sito il link a un post del tuo blog che parla della qualità dei tuoi prodotti, tutti i seguaci di Calzature Italia (che sono migliaia) verranno rimbalzati sul tuo sito e si interesseranno al tuo lavoro. E a Google questo piace molto.

Tramite i backlink la pagina ottiene una certa quota di valore dalla pagina da cui parte il link.

Ma in base a quali caratteristiche un backlink risulta con maggiore qualità di un altro?

Come ottenere backlink di qualità

È molto importante che i link esterni provengano da siti di qualità che siano inerenti al tuo settore di riferimento o, nello specifico, all’argomento di cui tratta il post in questione.

Questo perché se vendi scarpe e hai backlink da siti di cibo, la link building non risulterebbe molto utile.

La link building è una tecnica SEO che contribuisce ad aumentare il “valore” di un dominio e, eventualmente, il posizionamento su Google di alcune pagine di quel dominio.

Per questi motivi, spiegati in filosofia molto spicciola, i backlink devono assolutamente provenire da siti di qualità, e per ottenerli in modo naturale, (e non a pagamento che non servirebbero a nulla perché l’algoritmo di Google la sa lunga), basta seguire questi piccoli consigli:

• Scrivere articoli creativi e in ottica SEO
• Replicare i backlink della concorrenza
• Apparire sui podcast
• Partecipare a eventi locali per ottenere i link
• Pubblicare Guest Post per raggiungere un pubblico più ampio: è un articolo pubblicato come ospite sul blog di un altro.
• Rispondere a domande nei forum, nei gruppi Facebook, o community simili, aggiungendo collegamenti alle pagine del tuo sito che rispondono a tali domande
• Creare articoli pilastro (Pillar Article): sono gli articoli o approfondimenti il cui obiettivo è quello di insegnare qualcosa agli utenti.

Dove posizionare i backlink nel testo

I motori di ricerca analizzano una pagina in base alle sue varie sezioni (header, sidebar, il footer, area del contenuto) e assegnano un peso diverso al contenuto in base alla sua posizione.

Il motore di ricerca dà senz’altro maggior importanza ai link presenti nel contenuto vero e proprio, mentre, ad esempio, assegnano poco valore a link presenti nel footer, che solitamente non hanno funzioni rilevanti, se non al livello della navigazione interna al sito.

Quindi è assolutamente essenziale che i backlink vengano posizionati nel contenuto del testo affinché la link building prosegua senza intoppi.

Che tipo di backlink inserire

I link possono essere inseriti in tre modalità:

• Nel testo
• Nell’immagine
• Tramite Javascript

I link inseriti come testo, con un corretto anchor text (l’etichetta del collegamento), sono decisamente quelli che passano un maggior valore.

Poi troviamo i link inseriti tramite immagine, che per essere rilevanti devono avere una corretta keyword nell’alt text dell’immagine.

Infine, abbiamo i link inseriti tramite Javascript, ma sono quelli che danno meno valore alle pagine e non sempre vengono seguiti dai motori di ricerca.

La localizzazione geografica

Un altro elemento che può incidere sul posizionamento è dato anche dalla localizzazione geografica dei link.

Google può rilevare la localizzazione geografica di un sito da una serie di elementi:

– l’indirizzo IP del server
– l’estensione del dominio (.it, .fr, .de)
– dalla lingua presente nel contenuto
– dalla presenza di mappe o indirizzi inseriti nelle pagine del sito.

Ottenere link da pagine con una localizzazione geografica definita può spingere la pagina a migliorare il suo posizionamento per determinate ricerche locali.

Attenzione ai link No Followed!

Ultima, ma non meno importante lezione sui backlink riguarda i link nofollowed.

I link nofollowed sono quei link di pagine (solitamente di grande popolarità, come i social) che danno istruzione al motore di ricerca, tramite codice HTML, di non voler trasmettere valore dalla loro pagina alla pagina che riceve il link.

In questo caso, i backlink ottenuti da tali pagine non hanno alcun valore, quindi il mio consiglio è di non cercare di ottenere backlink da siti troppo importanti (come Ikea, Facebook o simili), potrebbe essere solo tempo sprecato. Concentrati piuttosto su importanti siti della tua nicchia di settore, otterrai maggiore successo.

Non è sempre facile ottenere backlink, ma come dice la parola stessa, la link “building” è un lavoro di costruzione della propria reputazione online e come per ogni obiettivo che ci prefissiamo, prima di essere raggiunto bisogna lavorare sodo.

Se hai voglia di approfondire l’argomento, puoi scrivermi nel form Contatti dove troverai anche i collegamenti ai miei canali social.

Qui invece puoi scoprire come posso aiutarti!

Elsa Tortorella

Elsa Tortorella

Assistente virtuale

Aiuto i freelance e i piccoli imprenditori a riprendersi il tempo per la loro attività principale, liberandoli dal fardello di quelle operazioni necessarie ma impegnative, di cui un business ha bisogno.

Mi occupo della programmazione di blog, newsletter e social network. Offro un servizio di correzione e traduzione testi di vario genere. Creo, invio e archivio i documenti contabili della tua attività, volendo in condivisione con il commercialista di fiducia.

Per info o preventivi personalizzati

Scrivimi qui